colloquio di lavoro

Cose da non dire ad un colloquio di lavoro

Il colloquio di lavoro, o come si dice in inglese interview, rappresenta il momento forse più importante nella lunga ricerca di un impiego. Solitamente è lo step successivo alla selezione del curriculum vitae e delle cover letter.

Data l’importanza che ha questa fase, è normale che ci si senta sotto pressione e a disagio. Proprio il modo in cui si affronta tale stress è uno degli aspetti che più interessaranno il vostro interlocutore. Di conseguenza occorre anche fare attenzione a cosa dire. In generale un consiglio è essere sinceri e non spacciarsi per chi non si è in realtà. D’altronde anche se riusciste ad ottenere l’impiego, non vorreste rimanere costretti ad un lavoro che non fa per voi. La motivazione sul posto di lavoro rimane una degli elementi da tenere di maggior considerazione. Ecco dunque una lista di cose da non dire ad un colloquio di lavoro.

 

Di cosa vi occupate?

Forse una delle frasi peggiori in assoluto. Dimostra che non si è preparati sulla realtà aziendale e, anzi, forse neanche veramente interessati. Dato che siamo nell’era di Google, meglio non fare domande alle quali si può facilmente trovare risposta su internet.

 

Dovrò lavorare molte ore al giorno?

In certi contesti potrebbe essere lecito chiedere il carico lavorativo al quale si sarà sottoposti. Tuttavia in generale questa è una domanda che può essere interpretata come segno di indolenza e pigrizia. Meglio evitarla così come chiedere delle ferie.

 

Quanto guadagnerò?

Nella cultura italiana è un argomento che è meglio non affrontare al primo colloquio a meno che non sia il recruiter a toccarlo. All’estero, ad esempio nella realtà anglosassone, viene fare domande sullo stipendio ed indennità è considerato come segno di interessamento.

 

Tra quanto avrò una promozione o un aumento?

E’ solitamente sconsigliato porre una simile domanda, almeno in questi termini. Infatti si dimostra di non essere focalizzati sul lavoro per il quale si sta facendo il colloquio di lavoro o di pensare esclusivamente ai soldi.

 

Fate dei controlli?

Probabilmente una delle cose da non dire ad un colloquio di lavoro per eccellenza. Darà l’impressione di non essere volenterosi e scansafatiche. Esattamente quello che bisogna assolutamente evitare in questa fase della ricerca del lavoro.

 

Non ho difetti

Nessuno è perfetto: non è una frase fatta ma è la pura verità. Presentarsi come il salvatore della patria non vi porterà da nessuna parte. E’ giusto far leva sui propri punti di forza ma preparatevi anche a delle domande sui vostri più grandi fallimenti e difetti.

 

Come sono andato?

Sebbene sia segno di sano interessamento, una simile domanda metterà alle strette il vostro interlocutore. Inoltre potreste non essere l’ultimo candidato che verrà esaminato. Molto meglio chiedere un riscontro per mail.

 

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Colori Vivaci Magazine |

Leave a Reply