avviare un'impresa

I 5 errori più comuni nell’avviare un’impresa

Chiunque abbia mai cercato di avviare un’impresa vi dirà quanto sia difficile farlo. In primo luogo è necessario creare un prodotto o un servizio valido e dimostrare c’è qualcuno disposto ad acquistarlo. Il passo successivo è quello di allargare il vostro business e prendere decisioni fondamentali per il futuro della vostra azienda. Nel frattempo, si possono commettere un sacco di errori.

Gli errori sono comuni e in effetti sono inevitabili. Essi possono anche fare di te un uomo d’affari più cauto e più saggio. Molte decisioni sbagliate possono essere rapidamente risolte mentre altre possono costare tempo prezioso e denaro. Questi consigli vi aiuteranno a evitare i cinque errori più comuni degli imprenditori durante l’avvio e la crescita di un’impresa.

 

1. Prendetevi il giusto tempo per compiere le decisioni

Non abbiate paura di chiedere il parere di persone di fiducia ed amici. Le risposte sono incredibilmente preziose nell’avviare un’impresa, soprattutto quando vengono da un imprenditore esperto del vostro mercato o settore. Troppi consigli possono portare alla paralisi dell’analisi di ciò che veramente serve.

Datevi il giusto tempo per prendere le decisioni importanti. Tuttavia non esitate troppo a lungo altrimenti c’è il rischio di mancare l’opportunità o mai andare avanti. È possibile correggere un errore, ma non si può avere successo se non si inizia mai.

 

2. Interagite con i vostri clienti

Chiedete feedback, soprattutto all’inizio, in modo da mettere a punto il vostro prodotto o servizio. A volte quello che si può pensare è una grande idea ma non può coincidere con le esigenze del vostro mercato di riferimento.

Una possibile soluzione è invitare i clienti a partecipare alla progettazione del prodotto. Nella pratica può avvenire tramite sondaggi o semplici domande, dipende dal tipo di impresa che avete. In questo modo, avrete la certezza di fornire loro esattamente quello che vogliono.

 

3. Fai network con altri operatori del settore

Il network non è solo composto da chi conosci, ma anche da chi ti conosce. La tua agenda degli impegni può essere piena dall’alba al tramonto, ma anche 30 minuti dedicati pagheranno nel lungo periodo. La visibilità è la prima regola del network.

In una realtà come quella italiana l’ideale è iscriversi ad associazioni civiche e di business nella zona. Vi servirà a far crescere la lista dei contatti aziendali. Può essere scomodo in un primo momento, ma molte persone potranno venire a che fare con la vostra impresa nel corso degli anni. Al fine di avviare un’impresa, è essenziale per cercare di farsi vedere ma anche essere visti.

 

4. Rimani concentrato sul tuo obiettivo

Se siete come la maggior parte degli imprenditori che hanno più idee di quanto si possa mai essere in grado di eseguire, non cadere nella trappola di perdere di vista quello che già rende la vostra impresa unica.

Può essere utile scrivere gli obiettivi di lungo e breve termine su una lavagna in modo da tenerli d’occhio tutti i giorni. Poi, periodicamente, controllare la vostra lista e valutate quali idee devono essere eseguite subito e quelle che devono essere rimandate a più tardi.

 

5. Assumi le persone giuste

E di riflesso lascia andare chi non all’altezza. Le decisioni su chi assumere e quali posizioni da assegnare sono alcune tra le più difficili e meritano un esame accurato. A meno che qualcuno è nettamente la persona migliore per un certo lavoro, è meglio pensarci due volte prima di assumere amici e familiari. Molte relazioni personali possono essere messe profondamente in discussione o distrutte da situazioni di lavoro difficili.

Garantitevi che ogni nuovo dipendente sia qualificato e desideroso di imparare, oltre con una forte etica del lavoro. Considerate l’assunzione di persone i cui punti di forza si completano le proprie debolezze e con motivazione. Inoltre se i vostri dipendendi non arrivano alle vostre aspettative, accompagnateli nel percorso che li porterà a raggiungere l’obiettivo stabilito o, in ultima istanza, sostituiteli.

 

 

Leave a Reply